Marmo, bronzo, terracotta, ferro e legno: materiali duri che si ammorbidiscono sotto l’estro creativo dell’artista e che si trasformano in guerrieri e guerriere. Materiali antichi, nobili e non tradizionali che si fanno portatori di messaggi nuovi attraverso personaggi che rappresentano la quotidiana lotta con il  mondo e con se stessi. Questa in sintesi la poetica di Andrea Oliva, giovane artista milanese alla quale Spazio Bazzini 15 dedica in questi giorni una personale, curata da Giancarlo Chielli.

La mostra, visitabile sino al 15 gennaio 2008, è costituita da sculture e bassorilievi realizzati dall’artista dal 1994 sino ad oggi. Le opere sono unite da un filo conduttore, da un personaggio chiave, uomo o animale: il guerriero.

“La storia del mondo è costellata di guerre  – sottolinea Andrea Oliva -  così come uomini e donne hanno a che fare quotidianamente con conflitti, fuori e dentro di sé. Il guerriero del mio immaginario è quello rinascimentale, figura che aveva contatto diretto con la paura, il dolore, la forza, il sangue. Dotato di forte senso dell’onore, del coraggio”.

Si potrebbe pensare alla mostra “Est-Ovest” come una mostra totalmente orientata al maschile. Al contrario qui troviamo sensualità e grazia, figure morbide, flessibili. Corpi che trasmettono una forte sensualità. Ci troviamo di fronte anche a donne guerriere e madri guerriere. “Credo che la donna viva una forte conflittualità interiore durante la gravidanza. Le donne sono scisse idealmente tra l’istinto materno, l’essere destinate ad essere madri e il cambiamento radicale che questo porta con sè”.

“La scultura di Andrea Oliva richiama immagini di guerrieri assorti nella loro atemporalità, figure plastiche dove la sintesi formale si evidenzia in un modellato dinamico che richiama la memoria di maestri quali Boccioni e Archipenko-  sottolinea il curatore della mostra, Giancarlo Chielli – Nulla in esse è casuale: il volume espresso dalle figure  è frutto di una costruzione logica della figura ricavata  da una serie di linee dinamiche trattenute da una forza che possiamo definire interiore:la consapevolezza dell’essere in un luogo e in uno spazio eterni”.

Ma di che pasta sono fatti i guerrieri di Andrea Oliva? Sono uomini e donne che combattono sempre ma che indossano l’armatura solo in battaglia. Che hanno, come ogni essere umano, un’armatura dentro e fuori di sé. Che vivono i propri conflitti interiori, che portano scudi, maschere e cotte per difendersi dall’incertezza e dall’incognita rappresentata dagli altri e dal mondo, ma che possono dirsi davvero uomini e donne quando mostrano se stessi in tutta la loro forza e fragilità.

di Simonetta Tocchetti
simonetta.tocchetti@libero.it

About the author

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>